fogliodellasicurezza.it
#048 SLD – Triangolo SPP_DdL_RSPP con qualcosa che non va

#048 SLD – Nel triangolo SPP/DdL/RSPP qualcosa non va

Aspettare indicazioni low cost e a impatto zero

Sono convinto che il Servizio di Prevenzione e Protezione SPP molte volte giri a vuoto

Sono sempre più convinto che il SPP aziendale giri a vuoto e serva a poco, almeno nella maggior parte dei casi

Questo non perché non sia necessaria la presenza di un organo aziendale che curi e promuova la sicurezza sul lavoro ma piuttosto perché contiene elementi …che non lo fanno funzionare

Soprattutto relazioni e rapporti fra i vari attori non finalizzati al buon funzionamento del citato SPP

Ma vediamo

Il Servizio di Prevenzione e Protezione SPP

La norma definisce il SPP come insieme delle persone, sistemi e mezzi esterni o interni all’azienda finalizzati all’attività di prevenzione e protezione dai rischi professionali per i lavoratori (articolo 2 comma 1 lettera l) del D.Lgs. 81/08)

Il SPP ha compiti precisi e ben specifici come da articolo 33 comma 1 del D.Lgs. 81/ 08 che recita Il servizio di prevenzione e protezione dai rischi professionali provvede:

a)  all’individuazione dei fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all’individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza dell’organizzazione aziendale;

b)  ad elaborare, per quanto di competenza, le misure preventive e protettive di cui all’articolo 28, comma 2, e i sistemi di controllo di tali misure;

c)  ad elaborare le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali;

d)  a proporre i programmi di informazione e formazione dei lavoratori;

e)  a partecipare alle consultazioni in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro, nonché alla riunione periodica di cui all’articolo 35;

f)  a fornire ai lavoratori le informazioni di cui all’articolo 36.

Ma soprattutto Il servizio di prevenzione e protezione è utilizzato dal datore di lavoro come da articolo 33 comma 3 del D.Lgs. 81/ 08

Quindi sappiamo cosa deve fare e chi comanda nel SPP

Il Datore di Lavoro

Il Datore di Lavoro decide come e se utilizzare il SPP, decide cosa fare e cosa farne ma molte volte ha competenze scarse

Talvolta competenze scarse unite ad interesse scarso demandando tutto al Responsabile del SPP. Il famoso RSPP

Peccato che il quasi totale disinteresse per la sicurezza sul lavoro lo pongano nell’indifferenza di quanto proposto e suggerito dal RSPP

Anzi molte volte – non sempre ma capita molte volte – il Datore di Lavoro confida nel potere della carta, nell’effetto risolutore del documento, nell’azione taumaturgica dell’attestato ovviamente prodotti senza toccare niente in azienda

Carta possibilmente prodotta senza incidere nell’organizzazione aziendale, nelle procedure di lavoro, nel normale processo lavorativo

Carta! La famosa carta che ripara e salva da controlli e ispezioni… o quasi

Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP

Ed ecco apparire il famoso RSPP che innanzi tutto NON è il responsabile del servizio. La lettera R di RSPP è impropria e inadeguata perché appunto il SPP è utilizzato dal Datore di Lavoro

Inoltre il famoso RSPP non ha potere deliberativo. Anzi quanto proposto dal nostro RSPP è vagliato dal Datore di Lavoro

Il famoso RSPP è l’uomo di fiducia del Datore di Lavoro, l’esperto sulla sicurezza sul lavoro che lo consiglia sulle azioni da eseguire per garantire livelli di sicurezza adeguati in azienda

Conclusioni

Quanto sopra conduce a situazioni anomale talvolta imbarazzanti dove chi ha poter deliberativo – il DdL – non ha le competenze e soprattutto NON ascolta chi ha le competenze mentre chi ha le competenze – RSPP – sa di dover filtrare le proposte indirizzate a chi ha potere deliberativo

Se poi chi ha potere deliberativo decide di fare il minimo indispensabile oppure solo quanto obbligatorio ecco che l’azione auspicata del SPP è nulla o quasi nulla

Molte volte siamo in presenza di uno stucchevole gioco delle parti dove chi decide aspetta indicazioni low cost 🙁 da chi sa mentre chi sa non dà indicazioni perché poi sicuramente bocciate se non espressamente a impatto zero 🙁 🙁 sull’organizzazione

La discussione è accademica perché chi gradisce intervenire in modo adeguato sui livelli di sicurezza aziendali ha strumenti e metodi per farlo

Quel che preoccupa invece sono logiche e presupposti alla base del D.Lgs. 81/08 che impongono obblighi e adempimenti su basi inesistenti

• • • • • • •

• • • • • • •

Iscriviti alla newsletter 03

Francesco Cuccuini

Operatore della sicurezza, consulente e formatore sulla #sicurezzasullavoro, appassionato #blogger, entusiasta #podcaster, apprezzato #webwriter, autore di #ancorapensieribloggati e attento a quel che succede intorno a sè

Add comment

Iscriviti alla newsletter

Aspetto la tua iscrizione.
Sarai aggiornato sull'attività del blog e riceverai una news per ogni post in uscita.

Non ho intenzione di fare spam nè inondarti di mail nè tantomeno cedere la tua mail ad altri.
Email
Nome
Cognome

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI FOGLIODELLASICUREZZA.IT

SARAI AGGIORNATO SULL'ATTIVITTA' DEL BLOG
E RICEVERAI UNA NEWS PER OGNI POST IN USCITA

ISCRIVITI
Email
Nome
Cognome
Secure and Spam free...