La definizione di lavoro-in-quota

Funambolo

Il lavoro-in-quota é caratterizzato dalla presenza del rischio di caduta e non dall’altezza 

Son sempre convinto dell’importanza professionale di mantenere sempre un atteggiamento curioso e attento. Son sempre più convinto della necessità professionale di cercare cose nuove nelle cose vecchie che stiamo svolgendo o applicando.

Questo atteggiamento mi ha fatto approfondire e scoprire aspetti nuovi nella definizione di lavoro in quota come da art. 107 del D.Lgs. 81/08.

La norma infatti definisce il lavoro in quota come [..] attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile.

Mi sembra di capire che l’aspetto qualificante non sia l’altezza superiore ai 2 metri in sè ma la presenza del rischio di caduta, anche se da un’altezza superiore a 2 metri. Non a caso una copertura con un Dispositivo di Protezione Collettiva DPC – un tetto con una ringhiera – non prevede gli obblighi legati alla presenza di lavori in quota mentre una copertura dove sia presente il rischio di caduta e quindi necessita l’utilizzo di un Dispositivo di Protezione Individuale DPI prevede l’adempimento degli obblighi legati alla presenza di lavori in quota.

Nulla di nuovo e di rivoluzionario. Solo l’importanza di riflettere sulle proprie competenze, l’importanza di convegni e incontri, l’attenzione continua a non farsi spazzare via.

Condividi questo post

PinIt

About Francesco Cuccuini

Operatore della sicurezza, consulente e formatore sulla #sicurezzasullavoro, appassionato #blogger, apprezzato #webwriter, autore di #pensieribloggati e attento a quel che succede intorno a sè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI FOGLIODELLASICUREZZA.IT

SARAI AGGIORNATO SULL'ATTIVITTA' DEL BLOG
E RICEVERAI UNA NEWS PER OGNI POST IN USCITA

ISCRIVITI
Email
Nome
Cognome
Secure and Spam free...