L’Albo RSPP mancante è un falso problema

Mercato della sicurezza

I consulenti e formatori sulla sicurezza sul lavoro – gli Operatori della sicurezza – riscontrano ogni giorno quanto il mercato della sicurezza sia considerato scadente se non scaduto

Anche se esistono fior-fiore di professionisti – e ne incontriamo spesso – insieme a ottimi consulenti sulla sicurezza affiancati da pregevoli formatori sulla sicurezza rimane diffusa e radicata l’impressione che siano eccezioni

MERCATO SCADENTE

Tali impressioni sono validate da commenti ripetuti e da affermazioni ricorrenti del tipo che ai corsi sulla sicurezza ci si annoia o che la sicurezza sia l’unica medicina amara e inutile

E quante volte abbiamo verificato la scarsa considerazione della figura del RSPP o ci imbattiamo nei famosi RSPP a-tempo-perso?

CHE FACCIAMO?

A fronte di una situazione che necessita di interventi le proposte di riqualificazione sono diverse e variegate

Abbiamo il legislatore e le Istituzioni che – con gli accordi Stato Regioni – pensano di incidere sulla gravità del problema con ore e ore di formazione dell’Operatore della sicurezza. E forse a ragione

Abbiamo le associazioni professionali e talvolta anche le Istituzioni che incidono sulla gravità del problema con Registri Professionali, Albi di Esperti, Elenchi di professionisti, competenze certificate ed altro. E forse a ragione

Tutte azione legittime, auspicabili e difendibili però purtroppo tutte azioni inutili perchè concentrate su un elemento accessorio e non su un elemento essenziale

ELEMENTO ESSENZIALE

L’elemento qualificante che permette di sollevare le sorti del mercato della sicurezza non è il Registro Professionali, l’Albo di Esperti, l’Elenco di professionisti, le competenze certificate o altro

L’elemento che permette di sollevare – o che dà un grosso contributo a sollevare – le sorti del mercato della sicurezza è il cliente finale che riconosce l’utilità appunto dell’azione dell’Operatore della sicurezza

Il cliente finale esige un prodotto/servizio di qualità quando lo reputa utile

E ad oggi pochissimi clienti riconoscono l’utilità dell’azione dell’Operatore della sicurezza o almeno la sola utilità è confinata all’adempimento formale – carta!! – dell’obbligo di legge

Attenzione parlo dell’Operatore della sicurezza e non della sicurezza. Tutti riconoscono il valore della sicurezza sul lavoro ma non riconoscono altrettanto il valore dell’azione dell’Operatore della sicurezza

MERCATO VIVACE

Come affermato in precedenza credo che affidarsi a Registri Professionali, Albi di Esperti, Elenchi di professionisti, competenze certificate ed altro sia doveroso ma inutile. Esistono infatti esperienze analoghe che dimostrano l’inutilità di affidarsi ai titoli – o ai soli titoli – degli operatori

Penso al mondo del web marketing

Per affermarsi infatti come web agency o come operatore SEO, per diventare un bravo marketing strategist o un interessante blogger non occorrono titoli e attestati con valore legale

Occorrono competenze e la riprova sul campo

Si. Risultati e riprova sul campo

Un operatore di web marketing si afferma o non si afferma perchè raggiunge o non raggiunge gli obiettivi – facilmente controllabili – prefissati col cliente. Ad esempio la mia azione di consulente di web marketing è apprezzata se aumentano le vendite come concordato e non perché ho redatto un bel Piano di Web Marketing

La mia azione di blogger si afferma se ad esempio aumenta la visibilità aziendale o se aumentano le visite sul sito e-commerce come concordato e non perché ho fatto buona formazione al personale dell’Ufficio Marketing

Il consulente web marketing è misurato sui risultati raggiunti e non sui titoli mostrati. Nessuno chiede al consulente web marketing se abbia le competenze certificate o se sia iscritto all’Albo dei consulenti web marketing o se faccia parte del Registro dei consulenti web marketing

Il consulente web marketing è misurato sui risultati raggiunti

Infatti l’Albo dei consulenti web marketing non esiste perché il mercato non lo chiede e soprattutto il mercato non lo chiede perché non serve

SICUREZZA INTERESSANTE SE UTILE

Quanto sopra per riflettere su battaglie – legittime ma velleitarie – per risollevare il livello degli Operatori della sicurezza e del mercato della sicurezza basate su Registri Professionali con iscrizione obbligatoria, Albi di Esperti con iscrizione obbligatoria, Elenchi di professionisti con competenze certificate con iscrizione obbligatoria o altro

Prendiamo lezione dagli Operatori di web marketing: sono misurati dal cliente in modo chiaro e inequivocabile sul valore trasmesso e non sui documenti prodotti

La sicurezza deve diventare utile

Quando sarà considerata utile diventerà anche interessante

Ovviamente risparmiamoci la tiritera o la lamentela della scarsa cultura della sicurezza o dei Datori di Lavoro che guardano prima l’adempimento e poi la sostanza o dei lavoratori che non capiscono perché indossare l’elmetto…

Il mercato è questo! In questo mercato dobbiamo operare. Se vogliamo

Che ne dici collega Operatore della sicurezza? Sempre intenzionato a disquisire sul tempo della verifica di apprendimento compreso o non compreso nella durata minima dell’intervento di formazione?

Che ne dici?

 

Condividi questo post

PinIt

About Francesco Cuccuini

Operatore della sicurezza, consulente e formatore sulla #sicurezzasullavoro, appassionato #blogger, apprezzato #webwriter, autore di #pensieribloggati e attento a quel che succede intorno a sè

2 thoughts on “L’Albo RSPP mancante è un falso problema

  1. Francesco Cuccuini Post author

    @ Filippo

    Innanzi tutto grazie del commento

    Verissimo quanto dici o meglio quanto auspichi
    Purtroppo non possiamo sperare – per motivi vari – in un altro Ordine professionale, in un Ordine professionale per i consulenti e formatori sulla sicurezza

    Cordiali saluti e Buon anno
    Francesco

    Reply
  2. Filippo

    Ho letto con interesse l’articolo. Rimane indubbio che in professioni storicamente più affermate (avvocati, notai, ingegneri, medici) il senso di professionalità fa parte della vocazione del consulente proprio per un fatto di appartenenza. Senso di appartenenza che non si crea con un albo è vero, ma che può dare una spinta come “momento di aggregazione” e magari (forse chissà) in futuro scrivere una storia migliore per noi poveri consulenti per la sicurezza.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI FOGLIODELLASICUREZZA.IT

SARAI AGGIORNATO SULL'ATTIVITTA' DEL BLOG
E RICEVERAI UNA NEWS PER OGNI POST IN USCITA

ISCRIVITI
Email
Nome
Cognome
Secure and Spam free...