L’Operatore della sicurezza e gli adempimenti del GDPR

GDPR

Di recente abbiamo proposto a Firenze un seminario sul Regolamento UE 2016/679 il General Data Protection Regulation GDPR – con l’avv. Stefano Nanni del foro di Prato. Un seminario per chiederci Che fare?

Un seminario su novità introdotte, ruoli delle persone coinvolte, tipologie di dato interessate e regime sanzionatorio. Un seminario su nuovi obblighi, nuove sanzioni e adempimenti Privacy

Ho ricevuto ulteriori informazioni ed elementi su cui riflettere ed ho la sensazione di doverci mettere mano, dovremo metterci mano. Perché?

Per vari motivi, vediamoli

• L’AUMENTO DI SENSIBILITÀ SOCIALE, MEDIATICA E ISTITUZIONALE

Tutti sono a conoscenza – magari in modo approssimativo – delle vicende di Facebook e Cambridge Analityca, tutti sperimentano l’invadenza del gestore di telefonia mobile da cui ti difendi male, tutti si interrogano sulla georeferenzazione attraverso il proprio smartphone

Tutti avvertono – anche se in modo grossolano e fantasioso – di essere controllati attraverso i dati che ogni giorno rilasciamo e quindi tutti sono molto sensibili al trattamento dei dati personali

• LA LOGICA SIMILE ALLA SICUREZZA SUL LAVORO

Confesso che questo è l’elemento che mi ha interessato e stupito maggiormente

Rivedo la logica rivoluzionaria introdotta col D.Lgs. 626/94 e col cosiddetto Testo unico ovvero non più la sola conformità ad un adempimento ma la garanzia di un risultato

Lo stesso col nuovo GDPR che non definisce solo misure minime di sicurezza nel trattamento dei dati ma chiede la garanzia di un risultato

• GLI OBBLIGHI PER OGNI DATO PERSONALE ACQUISITO. DI CHIUNQUE

Pensiamo alla possibile telefonata in arrivo

Buongiorno, ho fatto un corso di formazione da voi 6 anni fa e gradirei sapere come trattate i miei dati personali

Telefonata improbabile ma possibile. Telefonata che costa poca fatica e che può creare grossi fastidi. E soprattutto telefonata di CHIUNQUE

Telefonata sempre più probabile e possibile

• LA VIGILANZA SVOLTA DALLA GUARDIA DI FINANZA

Altro elemento interessante è l’azione di controllo svolto dalla Guardia di Finanza che come noto non ambisce ad erogare consulenze al vigilato 🙂 non ama dialogare e disquisire con il controllato 🙂 non è interessata a soluzioni che piacciono ad entrambi le parti – controllore e controllato 🙂

La Guardia di Finanza svolge il suo compito di istituto di controllare e – se necessario – sanzionare. Per il dialogo con il vigilato confida nell’azione di altri 😉

• LE SANZIONI INTERDITTIVE E PECUNIARIE OLTRE ALLE SANZIONI PENALI

Altro elemento interessante sono le sanzioni interdittive e pecuniare che – almeno nel nostro paese – sono più efficaci delle sanzioni penali

Più efficaci non per la loro durezza ma per la certezza della loro applicazione. É nota la difficoltosa applicabilità della sanzione penale con i noti effetti di scarsa certezza della pena

Ad oggi credo sia più temibile una sanzione amministrativa di 8.500 euro – sanzione lieve ma sicura – che una sanzione penale di 9 mesi di arresto – sanzione dura ma incerta

 § § §

Se vuoi ascoltare l’audio del post

Condividi questo post

PinIt

About Francesco Cuccuini

Operatore della sicurezza, consulente e formatore sulla #sicurezzasullavoro, appassionato #blogger, apprezzato #webwriter, autore di #pensieribloggati e attento a quel che succede intorno a sè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI FOGLIODELLASICUREZZA.IT

SARAI AGGIORNATO SULL'ATTIVITTA' DEL BLOG
E RICEVERAI UNA NEWS PER OGNI POST IN USCITA

ISCRIVITI
Email
Nome
Cognome
Secure and Spam free...