fogliodellasicurezza.it
Rischi specifici stocastici e normati

Rischi specifici stocastici e normati

La differenza di approccio – e di valutazione – fra i rischi specifici stocastici (probabilistici) e i rischi specifici normati (da misurare)

Interessante contributo di Francesca de Santis sui rischi specifici anzi sui rischi specifici stocastici – che necessitano di calcolo probabilistico – e sui rischi specifici normati che occorre misurare

Riporto un brano rimandando alla lettura dell’intero e interessante post

Per quanto concerne la metodologia di valutazione dei rischi viene precisato che:

Per i rischi di natura stocastica, ossia quei rischi quali scivolamento, cadute a livello, ecc. per cui non esistendo norme tecniche di riferimento, l’entità del rischio viene calcolata assegnando un opportuno valore alla probabilità di accadimento ed alla gravità del danno

Per i rischi di natura specifica, come rumore, vibrazioni, chimico, movimentazione manuale dei carichi, ecc., il D.lgs. 81/08 rimanda alle norme tecniche (standard ISO, norme UNI, Linee guida) che contemplano opportuni algoritmi di calcolo per l’individuazione della classe di rischio

Buona lettura

§ § §

Ho cominciato ad inserire anche la lettura audio del post. Proseguo anche con questo post

Francesco Cuccuini

Operatore della sicurezza, consulente e formatore sulla #sicurezzasullavoro, appassionato #blogger, apprezzato #webwriter, autore di #pensieribloggati e attento a quel che succede intorno a sè

Add comment

Iscriviti alla newsletter

Aspetto la tua iscrizione.
Sarai aggiornato sull'attività del blog e riceverai una news per ogni post in uscita.

Non ho intenzione di fare spam nè inondarti di mail nè tantomeno cedere la tua mail ad altri.
Email
Nome
Cognome

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI FOGLIODELLASICUREZZA.IT

SARAI AGGIORNATO SULL'ATTIVITTA' DEL BLOG
E RICEVERAI UNA NEWS PER OGNI POST IN USCITA

ISCRIVITI
Email
Nome
Cognome
Secure and Spam free...